Esperienza hot di Incontro carsex tra moglie ed amante

Un incontro eccitante

Un piccante incontro carsex è un’appuntamento intrigante che si tiene all’interno di un’automobile. Per molti l’auto costituisce un luogo estremamente eccitante in cui fare sesso perchè è, allo stesso tempo, un’area privata e riservata ma, se parcheggiata in alcune zone, risulta perfettamente visibile ed esposta ad occhi indiscreti. Il sesso in macchina non piace solamente ai giovanissimi che, non avendo altri luoghi nei quali appartarsi, sono obbligati a questa scelta, ma anche a chi, pur avendo altre alternative, lo considera un modo frizzante per scopare in allegria. Il sesso improvvisato, senza troppe pretese od organizzazioni, è fonte di enorme soddisfazione, proprio perchè coglie di sorpresa e lascia senza fiato.

In tutta Italia esistono delle apposite piazzole di sosta, situate in città o in prossimità delle aree di servizio, in cui gli amanti dell’avventura si incontrano ed effettuano anche lo scambio di coppia. Si tratta di appuntamenti che vengono stabiliti con il passaparola e non necessitano di inviti.

Il sesso, per essere pienamente appagante, deve potere essere vissuto con la massima libertà, senza pregiudizi o legami. Le pratiche erotiche più estreme, come ad esempio il bondage o l’utilizzo di sex toys, deve avvenire nella maniera più spontanea possibile, senza costrizioni.

Nella maggior parte dei casi, il sesso estremo non viene mai praticato con il partner perchè per imbarazzo, vergogna o paura di essere respinti, non viene neanche proposto. Meglio lasciare dunque queste esperienze alle situazioni borderline, intese come diversivi alla relazione in quanto si dimostrano il metodo migliore per dare sfogo alle pulsioni più recondite.

I ben pensanti, la morale prevalente o, semplicemente le potenziali critiche, spingono le persone più trasgressive a vivere la sessualità di nascosto che poi, quando riesce a concretizzarsi porta a picchi di piacere mai provati prima d’ora. Il carsex è una interpretazione della sessualità e, come tale, viene vissuta con leggerezza nel pieno divertimento. Più la mente è sgombra da pensieri e preoccupazioni, maggiore è il godimento.

Lorena: la tigre di Verona

Mi chiamo Lorena, ho 47 anni e vengo da Verona. I miei amici ed ammiratori, prendendomi in giro mi chiamano tigre per i miei modi aggressivi e decisi. Io, invece, mi reputo una milf perchè, proprio come dice la parola, ho un corpo da urlo e sono una vera troia. Sono alta 1,70, seno abbondante, quarta misura, gambe lunghe e affusolate e culo alto e sodo.

La mia è una bellezza nordica, con occhi verdi e capelli biondi ma sono un pezzo di ghiaccio che al suo interno ha un vulcano incandescente, pronto ad esplodere. Il mio look è curato nei minimi termini, scollature e minigonne sono all’ordine del giorno, indosso solo calze a rete o velate e porto tacchi vertiginosi. Diciamo che non passo inosservata e amo far perdere la testa a chi mi osserva, mi eccito terribilmente se qualcuno mi fissa e mi corteggia con gli occhi. Sono sposata ma il mio è un matrimonio di facciata, da qualche mese frequento Mauro, un bel ventottenne palestrato, atletico al punto giusto.

All’inizio, quando Mauro ha iniziato a corteggiarmi, non volevo cedere perchè mi ponevo il problema della sua età e non volevo cadere nello stereotipo della donna matura con il ragazzino. Poi, dopo avere scopato, ho capito che non potevo perdermi l’occasione e allora abbiamo continuato con gioia da parte di entrambi. La cosa che ci manda in pappa il cervello è il carsex, ossia scopare in macchina, ormai per noi non esistono altri posti per fare sesso.

Le scopate con il mio amante

Quando scopo con il mio amante ogni volta è un piccante incontro carsex, un’unione carnale che mozza il fiato e mi spinge a tirare fuori la porca che c’è in me. Sono sicura che ogni volta che lasciamo l’auto appartata da qualche parte ci sia qualcuno nascosto dietro un cespuglio che vedendoci all’opera non può fare a meno di masturbarsi.

Non vorrei vantarmi ma ciò che facciamo io e il mio toy boy è un concentrato di sesso allo stato puro, un film porno che si svolge davanti ai guardoni che non possono fare a meno di osservare le nostre performance.
Ammetto di essere una vera depravata ma non me ne vergogno, quando ho un cazzo vicino non posso resistere e faccio la matta, lo tocco, lo prendo in bocca e lo metto nella mia fica bagnatissima. Non esiste una pratica erotica che non mi da godimento, io faccio veramente tutto e non ho paura a scoprire cose nuove o situazioni inconsuete.

Il carsex costituisce un’espressione della ragazzina che è in me, presa sul sedile posteriore o sul ribaltabile, proprio come una adolescente, timida ed inesperta, alle prese con le prime esperienze con gli uomini.